• Home
  • SILENT NIGHT – Soggetto

SILENT NIGHT – Soggetto

SOGGETTO

E’ la vigilia di un gelido Natale. Nel parcheggio di un rinomato centro commerciale alcuni bambini stranieri fra i sette e i dodici anni chiedono l’elemosina ai clienti ipnotizzati dagli acquisti dell’ultimo momento. All’ora di pranzo un furgone wolkswagen vecchio modello raggiunge il parcheggio accostando a debita distanza. Nicolae, un subdolo rumeno sulla quarantina, scende e con un fischio chiama a rapporto i bambini che consegnano quanto guadagnato. Esorcizzato dal bottino li carica nel furgone senza rendersi conto che una  di loro, la piccola Aidha, è rimasta indietro in attesa che un cliente sganciasse qualche moneta. La bambina, assicuratasi l’offerta, si precipita di corsa verso il furgone che parte poco dopo lasciandola impietrita sul posto. Il vento gelido le solca il faccino mentre gli occhioni si annuvolano puntando i compagni che dal lunotto posteriore la incoraggiano a correre. Nel frattempo Francesca, una donna sui trent’anni, si accinge ad acquistare l’ultimo di una serie di regali a suo marito Enzo, quarantenne irascibile ed egocentrico. Quando Francesca esce dal super mercato Aidha, rannicchiata per terra a pochi metri, le chiede qualche moneta. La donna tentenna, pur restando affascinata dalla ricchezza d’animo mostrata dalla bambina. Quell’incontro cambierà la sua vita… e quella della piccola fanciulla africana.

Top